ViralPlus

Las heridas de la guerra contra el coronavirus: personal sanitario de todo el mundo muestran sus rostros

  • Imágenes que prueban la valentía y el duro trabajo que realizan cada día
  • Personal sanitario de todo el mundo muestra las heridas de guerra contra el coronavirus
Imagen: iStock

La situación actual en la que se encuentra toda la humanidad es del todo desoladora: calles vacías y hospitales abarrotados. No obstante, estas circunstancias también son un ejemplo para demostrar el esfuerzo sobrehumano que realizan varios sectores para afrontar el coronavirus. Uno de los más afectados es el sanitario, y hay imágenes que prueban la valentía y el duro trabajo que realizan cada día.

Si bien podemos encontrar por redes sociales todo tipo de vídeos y fotografías por parte del sector sanitario animando a la gente a quedarse en casa, existe también una parte que probablemente no todo el mundo ve. El riesgo que supone cuidar a personas infectadas y los efectos del material que deben utilizar por su salud, puede pasarles factura y las siguientes imágenes son solo un ejemplo de ello. Personal sanitario de todo el mundo muestra las heridas de guerra contra el coronavirus.

Los rostros del personal sanitario tras trabajar contra el coronavirus

Ver esta publicación en Instagram

Sono i un'infermiera e in questo momento mi trovo ad affrontare questa emergenza sanitaria. Ho paura anche io, ma non di andare a fare la spesa, ho paura di andare a lavoro. Ho paura perché la mascherina potrebbe non aderire bene al viso, o potrei essermi toccata accidentalmente con i guanti sporchi, o magari le lenti non mi coprono nel tutto gli occhi e qualcosa potrebbe essere passato. Sono stanca fisicamente perché i dispositivi di protezione fanno male, il camice fa sudare e una volta vestita non posso più andare in bagno o bere per sei ore. Sono stanca psicologicamente, e come me lo sono tutti i miei colleghi che da settimane si trovano nella mia stessa condizione, ma questo non ci impedirà di svolgere il nostro lavoro come abbiamo sempre fatto. Continuerò a curare e prendermi cura dei miei pazienti, perché sono fiera e innamorata del mio lavoro. Quello che chiedo a chiunque stia leggendo questo post è di non vanificare lo sforzo che stiamo facendo, di essere altruisti, di stare in casa e così proteggere chi è più fragile. Noi giovani non siamo immuni al coronavirus, anche noi ci possiamo ammalare, o peggio ancora possiamo far ammalare. Non mi posso permettere il lusso di tornarmene a casa mia in quarantena, devo andare a lavoro e fare la mia parte. Voi fate la vostra, ve lo chiedo per favore.

Una publicación compartida de Alessia Bonari (@alessiabonari_) el

Ver esta publicación en Instagram

Morning everyone. This is my new reality. Our unit has turned into an ITU and I spent 10.5hrs with 1hr off in full PPE with covid patients. You develop headaches from the straps, pain all over your face, all of which you can't touch till you de-robe. I still have marks and pain this morning. Please all stay at home and do what is required. Chances are you will be ok but you might pass it onto someone else. We don't need more patients!!! . . #covid_19 #covidnurse #nurse #nurselife #itunurse #hdunurse #stayhome #stayhomesavelives #nursesofinstagram #nhs #nationalhealthservice #pandemic #nhsstaff #intensivecare #intensivecareunit #itu #highdependencyunit #nursing #canstillruntowork #runnersofinstagram #running #runningmotivation #runner #runhappy #fitnessmotivation #fitness @jo_johnston_theophilus #rowingnurse

Una publicación compartida de Luke Theophilus (@rowing.nurse) el

Ver esta publicación en Instagram

"Ma non hai paura?" Certo che ho paura... "E come fai ad andare lì dentro tutti i giorni? Dove trovi la forza?" Ecco, te lo spiego con questa foto: questa sono io quando ieri sera, a mezzanotte, finivo il mio turno nel reparto covid. Il viso stanco e tirato, segnato, ma un accenno di sorriso perché nonostante tutto ero riuscita a consolare e confortare una paziente, vedova da due giorni, a parlare e ridere con due nonne dei loro nipotini e di quanto non vedano l'ora di riabbracciarli e preparare loro una bella merenda sostanziosa, super nonne! Un paziente ha addirittura potuto tornare a casa visto il miglioramento del quadro clinico e non potete immaginare la gioia nei suoi occhi quando gli ho aperto la porta di uscita del reparto e... buon ritorno a casa!!! Sotto le tute, le maschere e le visiere ci siamo noi che ridiamo, piangiamo, speriamo e facciamo il tifo per i nostri pazienti... e loro lo percepiscono e magari anche solo con uno sguardo ti ringraziano.. ecco, questo mi da la forza ? #nurselife #covid19italia #covid19 #momlife #momoftwo #instamoment #instaphoto #instapic #picoftheday #familyfirst #notonlymama #vitadamamma #momlife #nurse #covidnurse #loveforlife #infermiera #instanurse #mylife #iononpossorestareacasa #stateacasa #maviepuntoit #mamxmam #italiannurse

Una publicación compartida de ????Cristina Barbieri???? (@lacicci84) el

comentariosforum0WhatsAppWhatsAppFacebookFacebookTwitterTwitterLinkedinlinkedin